Faq

Che sacchetti posso utilizzare per riscaldare gli alimenti in forno?

I  sacchetti Oléane da gr. 40 o da gr. 70 sono idonei per riscaldare gli alimenti che contengono  sia nel forno tradizionale (fino a 20′ a 150°), che nel microonde (fino a 2′ a 600w).

Cosa devo fare se sono interessato ai vostri prodotti?

È sufficiente contattarci telefonicamente o via mail, utilizzando i contatti che trovi nel sito.

Provvederemo a ricontattarti per capire meglio le vostre esigenze e, a seconda che tu rappresenti un’industria, un grossista o un dettagliante, ci attiveremo per seguirvi direttamente o per farvi contattare dal distributore a voi più vicino.

La nostra azienda si appoggia a una rete di distributori che copre buona parte del territorio nazionale. Tramite loro riusciamo a raggiungere i singoli punti vendita, che in questo modo possono appoggiarsi al distributore anche per consegne urgenti o di poche scatole.

Vendiamo direttamente solo alle industrie e alle centrali della GDO e DO.

Posso appoggiare l’alimento direttamente sui vostri packaging?

Certo, tutti i nostri packaging sono idonei al contatto diretto con gli alimenti.

Questo significa che potete tranquillamente appoggiare o avvolgere il cibo con i nostri incarti e i nostri sacchetti.

Sono disponibili su richiesta le dichiarazioni di conformità e le schede tecniche di tutti i nostri prodotti

Che cosa vuol dire Ideabrill®? Come è fatto?

Ideabrill®, vuol dire letteralmente “Idea Brillante” perché quando nacque questo prodotto nel mercato italiano non esisteva ancora alcun imballaggio salvafreschezza per il banco assistito.

A onor del vero, a quel tempo le parole Salva e Freschezza non erano ancora mai state unite a formare un termine unico.

Quando Giuseppe Ortolani inventò Ideabrill® ci è venuto spontaneo questo  gioco di parole: un neologismo a tutti gli effetti!

Ideabrill® è formato da un kraft di pura cellulosa accoppiato a uno speciale film trattato: questa composizione crea una barriera contro gli agenti esterni responsabili del precoce deterioramento degli alimenti, permettendo così al cibo contenuto di mantenere più a lungo le proprie caratteristiche organolettiche iniziali.

Come si fa la raccolta differenziata di Ideabrill®?

Per dividere l’incarto è sufficiente fare un piccolo strappo e poi separare le due componenti, carta e film. Per il sacchetto si procede prima sollevando il sormonto sul fondo del sacchetto e poi effettuando la separazione.

Getterai la cellulosa  nei rifiuti cartacei e  il film in quelli plastici o nell’indifferenziato, a seconda delle direttive del singolo comune.

Inoltre, in base ai risultati ottenuti con le analisi di riciclabilità effettuati con metodo Aticelca, l’incarto salvafreschezza, il Salvafresco e lo Scoprigusto IdeabrillⓇ sono risultati riciclabili e pertanto possono essere smaltiti nella carta secondo le indicazioni del proprio Comune (C/PAP81).

Guarda all’interno dei soffietti dei nostri prodotti: troverai tutte le informazioni utili per uno smaltimento del prodotto responsabile ed eco-friendly.

Di quanto può essere allungata la shelf-life di un alimento con l’utilizzo di Ideabrill®?

Dipende dalla tipologia di alimento e dal suo grado di freschezza iniziale.
IdeabrillⓇ è un packaging brevettato per inibire gli agenti atmosferici responsabili del precoce deterioramento del cibo, come aria, luce, i raggi UV, i gas, etc..

Gli studi effettuati su vari alimenti hanno evidenziato:
– una significativa inibizione della crescita delle ammine biogene;
– una significativa inibizione nei confronti della formazione dell’esanale, marker dell’ossidazione lipidica;
– il mantenimento del valore del ph dell’alimento;
– un contenimento della produzione degli acidi grassi volatili formati dalla lipolisi;
– una migliore conservazione delle caratteristiche organolettiche nel tempo.

Tuttavia, l’incidenza di tali benefici sul singolo alimento dipende molto dalla composizione dello stesso.
Un nostro cliente, Prosciuttificio Sant’Ilario, ci ha detto che il suo crudo 36 mesi si conserva fino a 8 giorni grazie a Ideabrill®.
Il nostro consiglio è sempre quello di testare Ideabrill® con il proprio prodotto e verificare, o meglio assaggiare, la differenza rispetto a un incarto tradizionale.

L’alluminio presente in Ideabrill® può attaccarsi agli alimenti?

No, perché la percentuale di polvere di alluminio flashata si trova tra lo strato in carta e il film, quindi non entra mai a diretto contatto con l’alimento.

Vale la pena precisare che il lato argentato di Ideabrill® è un film plastico nel quale è stata “polverizzata” una percentuale minima di polvere di alluminio, al fine di creare l’effetto barriera alla luce.

Tale percentuale è talmente bassa che a norma di legge non saremmo neppure obbligate ad indicarne la presenza, ma nell’ottica di trasparenza che ci contraddistingue da sempre lo dichiariamo.

Ricordiamo che Ideabrill® è in possesso di idoneità alimentare a contatto diretto con tutti i tipi di alimenti.

Ideabrill si può usare anche per congelare gli alimenti?

Certo, anche perché Ideabrill®, a differenza degli imballaggi tradizionali, non si attacca all’alimento e quindi permette di estrarlo con grande facilità al momento dello scongelamento.

Ideabrill® ha il vantaggio di essere idoneo al contatto diretto con tutti gli alimenti freschi permettendovi di utilizzarlo a vostro piacimento nella massima tranquillità.

Perché non producete imballi in carta riciclata?

Abbiamo fatto questa scelta perché gli imballi in carta riciclata possono essere utilizzati solo per confezionare gli alimenti secchi, mentre i nostri packaging vengono usati  per avvolgere soprattutto i  cibi freschi.

Per questo motivo, volendo garantire sia ai nostri clienti, sia ai consumatori finali la massima sicurezza, utilizziamo come materia prima esclusivamente la fibra vergine.

Come si termosalda un sacchetto?

Con l’apposita termosaldatrice, un apparecchio estremamente semplice da utilizzare e poco ingombrante.
È sufficiente abbassare la barra saldante e tenerla premuta fino allo spegnimento della luce rossa, e in meno di un secondo si avrà un sacchetto perfettamente termosaldato.
Per i salvafreschezza classici il tempo di termosaldatura è pari a 0,75 secondi, mentre per gli imprigionagusto sono sufficienti 1,16 secondi.
Questo gesto permette di conservare gli alimenti in maniera igienica e protetta. Spieghiamo quanto importante può essere termosaldare, per i diversi tipi di alimento e packaging:
– SALVAFRESCO AFFETTATI: la termosaldatura è indispensabile; grazie alla sigillatura gli affettati rimangono freschi per 3-4 giorni.
– SALVAFRESCO FORMAGGI: la termosaldatura è consigliata; grazie alla termosaldatura l’odore del formaggio rimane all’interno del packaging e si garantisce la massima igiene.
– IMPRIGIONAGUSTO CARNE: la termosaldatura è consigliata; grazie alla termosaldatura il sangue e i liquidi della carne rimangono all’interno del sacchetto.
– IMPRIGIONAGUSTO PESCE: la termosaldatura è indispensabile; grazie alla sigillatura, liquidi e odori del pesce rimangono intrappolati all’interno del sacchetto.
– SCOPRIGUSTO PER FORMAGGI: la termosaldatura è consigliata; grazie alla termosaldatura il cliente potrà mettere la confezione in borsa nella massima igiene. A casa, dopo aver ritagliato la parte superiore del sacchetto, potrà continuare ad utilizzarlo richiudendolo con una pinza da cucina.
– SCOPRIGUSTO PER PREPARATI DI CARNE: la termosaldatura è consigliata; grazie alla termosaldatura è possibile garantire massima igiene.

Che cosa vuol dire Esseoquattro?

In questo nome sono racchiuse le radici familiari dell’azienda, creata e gestita proprio dalla famiglia Ortolani.
Le quattro sorelle, Silvia, Roberta, Mara e Valeria, oggi compongono il team direzionale dell’azienda, ciascuna a capo di uno specifico settore.
Questa realtà imprenditoriale tutta al femminile, che di per sé rappresenta già un’eccezione nel panorama industriale italiano, può contare sull’appoggio e sull’esperienza di una quinta donna: la madre Renata, che ha affiancato il marito, Giuseppe Ortolani, nella fondazione dell’azienda.

Potete realizzare anche delle tovagliette?

Certo, possiamo realizzare delle tovagliette in svariati formati e supporti.
Il nostro suggerimento è quello di utilizzare la carta antigrasso oleane gr. 70, in modo da avere una tovaglietta molto resistente e con un’ottima tenuta di olio, salse e grassi.
Ogni tovaglietta può essere personalizzata con il vostro logo, con il vostro menù, la lista delle vostre specialità o tutto ciò che vi suggerisce la fantasia.
Oltre alla classica stampa, la si può arricchire anche con un QrCode personalizzato, che vi permette di comunicare in maniera veloce ed efficace con i vostri clienti.

Che cos’è un sacchetto Velin?

Il sacchetto velin è realizzato con un kraft speciale a fibra lunga, che garantisce una buona resistenza anche con una grammatura leggera.

Questo tipo di carta permette al pane di respirare ed è quindi perfetto per confezionare anche il pane caldo perché, evitando la formazione di umidità al proprio interno, lo mantiene croccante e fragrante come appena sfornato.

Inoltre il sacchetto Velin, con il suo colore avana, dà immediatamente un’idea di artigianalità e garantisce così un’ottima presentazione al vostro prodotto.

La vostra azienda vende direttamente ai negozi?

La nostra azienda si appoggia a una rete di distributori che copre buona parte del territorio nazionale.
Tramite loro riusciamo a raggiungere i singoli punti vendita, che in questo modo possono appoggiarsi al distributore anche per consegne urgenti o di poche scatole.
Ci sono ancora alcune zone, molto limitate, dove non siamo coperti dai grossisti e quindi ci interfacciamo direttamente con i punti vendita che ci contattano, individuando insieme a loro i prodotti più adatti alle loro necessità e procedendo poi alla produzione e all’invio della merce richiesta.

Che cosa significa “certificato PEFC™”?

Il certificato di Catena di Custodia PEFC™ garantisce che i fornitori con cui abbiamo scelto di lavorare assicurino la totale rintracciabilità di ciascun lotto di carta e che questi provengano da foreste gestite secondo precisi requisiti di sostenibilità ambientale e sociale.
PEFC™ (Programma per il riconoscimento di schemi nazionali di Certificazione Forestale) rappresenta una garanzia reale per il benessere del patrimonio verde del pianeta perché richiede i più alti standard di gestione forestale sostenibile, senza eccezioni.
Ciò significa che la gestione forestale deve avvenire con l’obiettivo di mantenere o migliorare la biodiversità e sostenere le necessità degli ecosistemi.
PEFC™ impone inoltre che il taglio delle piante avvenga nel rispetto non solo delle leggi, ma anche del loro naturale ritmo di crescita e prevede che le aree soggette al taglio vengano rimboschite o, preferibilmente, rigenerate e rinnovate naturalmente.
Ai proprietari forestali PEFC™ richiede anche la sostituzione delle sostanze chimiche con alternative naturali o quantomeno di ridurre il loro impiego al minimo.
In ambito sociale, PEFC™ prevede che la gestione boschiva avvenga nella piena tutela dei diritti e della salute dei lavoratori, come anche di quelli delle popolazioni indigene e si pone come obiettivo la crescita dell’occupazione locale.
Infine, per garantire la massima trasparenza e serietà, le verifiche di conformità delle aziende sulla base standard creato da PEFC™ sono condotte da un Organismo di Certificazione (OdC) indipendente.

Che cosa significa “certificato FSCⓇ”?

FSCⓇ (Forest Stewardship Council®) è un’organizzazione internazionale no profit, che include tra i suoi membri ONG e gruppi ambientalisti (WWF, Greenpeace), sociali (National Aboriginal Forestry Association of Canada), proprietari forestali, industrie che lavorano la carta come Esseoquattro, gruppi della Grande Distribuzione Organizzata, ricercatori e tecnici.
In totale sono quasi 900 membri, accomunati da un’unica visione di eco-sostenibilità.
La certificazione di Catena di Custodia FSCⓇ identifica che i prodotti contenenti legno o un suo derivato, come la cellulosa, provengano esclusivamente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile, secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici e ne garantisce la totale tracciabilità.
FSCⓇ ha definito questi standard con dieci Principi e Criteri FSCⓇ di buona gestione forestale, pubblicati per la prima volta nel 1994 e arrivati nel 2012 alla loro V versione, attualmente in vigore e validi in tutto il mondo.
In base a questi principi l’Organizzazione richiede ai proprietari forestali di rispettare tutte le leggi applicabili, i regolamenti, i trattati, le convenzioni e gli accordi internazionali ratificati a livello nazionale.
Dal punto di vista ambientale, poi, ogni organizzazione di gestione forestale FSCⓇ è tenuta a evitare, sanare o mitigare gli impatti negativi sull’ecosistema.
Infine, dal punto di vista socio economico, ha l’obbligo di preservare il benessere dei propri lavoratori, ma anche di riconoscere e tutelare i diritti delle popolazioni indigene e deve contribuire al mantenimento o al miglioramento anche del loro benessere.

I vostri articoli sono venduti a numero o a peso?

I nostri articoli sono confezionati sia a numero che a peso.
Confezioniamo a peso, in scatole che non superano i 10 kg, i prodotti tradizionali, intesi sia come carte che come sacchetti delle grammature medio/pesanti.
Le confezioni a numero riguardano invece i prodotti speciali, inclusa tutta la famiglia dei prodotti Ideabrill®, le carte e i sacchetti di grammature più leggere.

Tra i vostri prodotti ci sono delle linee di packaging coordinati?

Per agevolare i nostri clienti abbiamo creato delle linee coordinate che permettono a ogni punto vendita di avere un’immagine elegante e uniforme.
I nostri clienti possono scegliere tra la Rosa Rossa, presente sia negli articoli Ideabrill® che nelle carte e nei sacchetti della linea “Avvolgiamo Passione”, i raffinati decori della stampa “Alta Moda”, disponibili sia su Ideabrill® e Oléane, e la stampa “Contiene con Stile”, disponibile su Ideabrill negli articoli generici
C’è poi un’ampia gamma di stampe settoriali, dedicate ai vari comparti in cui si divide il mondo dei cibi freschi: salumeria, macelleria, panetteria, ecc…

Che differenza c’è tra la carta antigrasso e quella “normale”?

La carta e i sacchetti antigrasso sono sottoposti a un trattamento particolare che li rende resistenti all’olio e ai grassi, quindi perfetti per confezionare ogni tipo di alimento unto.
Sono disponibili su due supporti: Glisser, di colore bianco e Oléane, di colore avana. Oléane, oltre a non far passare l’unto, evita anche la sgradevole formazione di aloni.